I Fest 2018 – Paolo Fresu in The Devil Quartet e Banda popolare di Testaccio

I Fest 2018 - Razzismo di Stato, Banda popolare di Testaccio e Paolo Fresu in The Devil Quartet

Secondo giorno di questa quinta edizione dell’IFest 2018. Una giornata ricca di contenuti politici e culturali.

Il festival è iniziato con un interessante dibattito: “Il razzismo di Stato da Minniti a Salvini” con la presentazione del libro I confini dell’inclusione. La «civic integration» tra selezione e disciplinamento dei corpi migranti (DeriveApprodi Editore) sono intervenuti i curatori del volume e ricercatori Maurizia Russo SpenaEnzo CarboneEnrico Gargiulo, Miguel Mellino (Università l’Orientale di Napoli), Giuseppe Faso (insegnane e scrittore) e Giuliano Santoro (Il Manifesto) nel ruolo di moderatore.

Parte la diretta, sotto il tendone rosso- media-lab inizia una nuova sessione di grandi interviste, ma non prima di aver sentito la poesia giornaliera di Lorenzo e il saluto di Radiosonar.net a cura di Claudia (Mangiaradio).

Poco prima di salire sul palco abbiamo incontrato il Maestro della Banda Popolare di Testaccio.

Con lui Straccaletto (Search & Destroy Radio) e Tiedbelly (La Discoteca del Diavolo) di Radiosonar.net abbiamo scoperto la realtà della scuola popolare di musica e approfondito il tema del valore che i festival indipendenti portano nelle città.

E’ tempo di Paolo Fresu e del suo Devil Quartet.

Intervista bella e ricca di spunti culturali dove un serrato dialogo tra gli speaker e i componenti del quartetto, ci offre un’analisi dell’ultimo lavoro del quartetto, Carpe diem, produzione interamente acustica in bilico tra atmosfere mediterranee e derive urbane.

Prima dei live vi facciamo riascoltare gli interventi di Soumaila Diawara e Luca Blasi.

Il live della Banda della Scuola Popolare di musica Testaccio.

Un piccolo estratto del grande concerto di Paolo Fresu in The Devil Quartet con un piccolo divertissement.

commenta su facebook
WhatsApp chat