La Discoteca del Diavolo 1.30 – Un blando esorcismo per Tiedbelly

la-discoteca-del-diavolo-1-30-un-blando-esorcismo-per-tiedbelly

Le recenti puntate erano state sempre, in un modo o nell’altro, funestate dal maligno influsso del Satanasso attraverso il suo beffardo potere di possessione dei luoghi e delle persone.

Per spezzare il circolo vizioso, un Tiedbelly in odore di santità, ha deciso perciò per questa settimana di fare un “reset” e trasmettere una selezione frutto sì, dei molteplici passaggi per l’Archivio del Satanasso ma determinata solo e soltanto dalla sua volontà. Per riuscire nell’impresa ha deciso di non visitare l’archivio e proporre un esorcismo a base di musica del Diavolo tout court. Il Blues di cui ci si occupa di più, in questa puntata, sarà il blues urbano (quello di Chicago in particolare) screziato da brevi flash in suoni più rurali o nel repertorio di artisti bianchi. L’idea di fondo è sfruttare il Blues nella sua veste più conosciuta per liberare ambienti e anime dall’influsso del maligno e ritrovare il proprio libero arbitrio senza offendere il Diavolo e senza stuzzicarne il deleterio senso dell’umorismo. Se l’esorcismo ha avuto esito positivo lo si scoprirà nelle prossime puntate. Per ora tutto è tranquillo: in tranquillità, gustatevi la playlist.
Buon ascolto.

La Discoteca del Diavolo – Playlist 09/05/2018

1. Eddie C. Campbell – Devil’s walk
2. J.B. Hutto – 20% alcohol
3. Freddie King – Youn don’t have to go
4. Pink Anderson – Baby I’m going away
5. Robert Pete Williams – Almost dead blues
6. Maxwell Street Jimmy Davis – Two trains running
7. Jimmy Rogers – Ludella
8. John Littlejohn – Worried head
9. Lazy Lester – I hear you knocking
10. Elmo Williams & Hezekiah Early – Blue jumped up the rabbit
11. Cedric Burnside & Lightning Malcolm – RL Burnside
12. Hell’s Kitchen – Right hand
13. David Johansen & the Harry Smith’s – My morphine
14. Micah P. Hinson – The hero will never hang
15. The Band – Blind Willie McTell
16. John Lee Hooker – Big legs and tight skirts
17. Black Merda – Ashamed
18. Junior Wells – You’ re the one

commenta su facebook