Cat Person di Kristen Roupenian

Se Kristen Roupenian fosse stata una voce di Radiosonar.net, sarebbe sicuramente una Sbarbina. Il suo modo di raccontare vicende sentimentali in modo ironico con un pizzico di effetto disturbante penso si sposerebbe bene con il mood del programma.

Comunque, Kristen Roupenian ha scritto Cat Person, un racconto pubblicato sul New Yorker. Questo racconto ha fatto il giro del mondo, è stato super cliccato… perché? Perché parla della storia di Margot e Robert, più che di storia si tratta di una serie di appuntamenti più o meno romantici. All’inizio si sente quella frizzantezza caratteristica delle relazioni quando nascono, quella gioia mista ad euforia di vedere l’altra persona, scoprirla. Insomma fino a qui tutto bene, sono tante le scrittrici e tanti gli scrittori che hanno parlato della fase d’incubazione di un amore, non ci dovrebbe essere niente di sorprendente.

La cara Kristen però parla dal punto di vista di Margot, che a un certo punto dopo un invaghimento iniziale, perché qualche attenzione, un po’ di gentilezza la catturano; passa alla fase discendente. La morte erotica. La nostra cara protagonista ha dovuto compartecipare ad una notte di sesso praticamente penosa. Dopo questa esperienza non è che questo Robert l’attrae più di tanto, vuole separarsene, ma arriva il senso di colpa. Come fare?

Insomma, non è da tutti raccontare come vanno queste cose e forse farlo dal punto di vista di una donna è ancora più inusuale. È sicuramente questo uno degli ingredienti che hanno reso Cat Person così famoso.

Da pochissimo Cat Person è arrivato anche in Italia, così si chiama infatti la raccolta di racconti della Roupenian edita da Einaudi. I racconti sono tutti legati al tema delle relazioni e del sesso. Alcuni sono realistici, ironici proprio come Cat Person, Il ragazzo della piscina ad esempio, che parla di un addio al nubilato. Altri sono estremamente inquietanti come La prova nel portafiammiferi in cui si racconta di una coppia in crisi, alle prese con una strana malattia che potrebbe essere psicosomatica, ma forse no e poi si rivela essere qualcosa di profondamente disturbante.

Nonostante il realismo di fondo non manca la magia o alcune situazioni paranormali, fantastiche come Non avere paura in cui si racconta di un libro d’incantesimi e di una donna che ne diventa praticamente dipendente o Lo specchio, il secchio e il vecchio femore ambientato in una corte, in cui una principessa incontentabile impazzirà d’amore e questo è in assoluto il mio racconto preferito.

Anche se Cat Person riassume racconti basati sulla percezione delle relazioni, dell’amore e del sesso in fondo si tratta di storie completamente diverse tra di loro, che dimostrano quando un rapporto tra due o più persone può essere vario, sereno, morboso. Ci sarà almeno una situazione del libro in cui immedesimarsi e almeno una che è capitata ad ognuno, quindi è il caso di immergersi nella lettura e nelle vite che dipinge Kristen.

 

Carla Gambale

librosonar-le-recensione-oneste-cat-person
commenta su facebook