23 January 2019  /  Tiedbelly

Due fattori concomitanti hanno governato i destini della trasmissione di questo mercoledì: la scoperta del settore “Wounded Knee” nell’archivio del satanasso non ché l’uscita di un documentario intitolato “Rumble” che racconta del contributo dei musicisti di origini nativo-americane al patrimonio musicale U.S.A.
pellerossaCosì, complice un passato da consumatore famelico di film western e un interesse crescente verso i “Pellerossa” – come venivano chiamati un tempo – spinge Tiedbelly ad addentrarsi in questo settore “Wounded Knee” per esplorare, e riportare a voi, gli accenni di una storia i cui personaggi, a volte sorprendenti, emergono come figure di prima grandezza.

Lo sapevate che Elvis aveva sangue Cherokee? O che Charlie Patton, uno dei padri del Blues era anche lui di sangue Nativo? Siete mai incappati in Karen Dalton nella vostra misera esistenza? Immaginavate che la cultura dei nativi si è innestata sotto-traccia in culture più mainstream andando a caratterizzare il melting pot di New Orleans tanto quanto la carriera di alcune stelle di prima grandezza come Robbie Robertson o JIm Pepper? Alcune di queste piccole scoperte, sarà possibile farle dando una sentita al racconto del peggior bluesman di Roma est, Tiedbelly, mentre vi accompagna su un “Sentiero delle lacrime” che, almeno snotavolta, giunto alla fine, strappa un sorriso.

Enjoy
playlist puntata 23/01/2019
  1. Charlie Patton – High water everywhere
  2. Mildred Bailey – From the land of the sky blue water
  3. Champion Jack Dupree – One dirty woman
  4. Karen Dalton – Blues on the ceiling
  5. Buffy Sainte-Marie – Cripple Creek
  6. Elvis Presley – Trying to get to you
  7. Link Wray – Rumble
  8. Jimi Hendrix – Valleys of Neptune
  9. Redbone – Bad news ain’t no news at all
  10. Bill Miller – Ghostdance
  11. John Trudell – Wildfires
  12. Robbie Robertson – Aqua tuta
  13. JIm Pepper – Witchitai -to
  14. Willy Deville – Loup Garou
  15. Ronnie Spector – You can’t put your arms around a memory
  16. Dr. John – Iko iko
  17. Johnny Cash – Apache tears
commenta su facebook