Sara Bruno legge e commenta i giornali del 29 e 30 giugno che fanno di Roma il teatro di un’apocalisse tra rifiuti, roghi, buche e cingh…ah no, oggi niente cinghiali.