30 January 2019  /  Search & Destroy Radio

Questa settimana 30 anni di storia ai microfoni di Search & Destroy Radio: i Cyclone sono tornati!

A trent’anni dall’uscita del seminale The First Of The Cyclone Men (1989, Klang records) la band che ha dato il primo impulso allo psychobilly nella Capitale si riunisce per un live-evento, e uno Iavan Sciampi emozionato come uno scolaretto, coadiuvato da un’attentissima Nella Cinderella e da uno spaesato Straccaletto, non si è lasciato sfuggire l’occasione per imbastire una puntatona celebrativa dedicata a dei veri e propri Roman Gods.

In collegamento telefonico la banda al completo (Andrea Camerini, Andrea Pesaturo, Paolo Camerini, Roberto Berni) assieme alla mente organizzatrice di questa attesissima reunion, Otta Guanziroli, organizzatore dello Psychobilly Italian Attack e DJ ufficiale dello Psychobilly Meeting. Inoltre, per la prima volta ai nostri microfoni, Toni Pambianco, ideatore della Dog Eat Robot Fanzine, vera e propria istituzione nella scena psychobilly mondiale, con una selezione di chicche. Completa la puntata il consueto intervento (stavolta a tema) dell’imperatore di Varazze Luca Calcagno (InYourEyes Ezine).

Nell’attesa di sabato, una puntata da ascoltare come sempre a tutto volume! Cyclone Men are GO!

Search & Destroy Radio 6.11 del 30/01/19 – The Return of the Cyclone Men

  • The Stooges – Search and Destroy (sigla iniziale)
  • The Fleshtones – Roman Gods (musical bed)
  • Cyclone – Psyclone Shock
  • Cyclone – Freddy is Back
  • Cockroaches – M.F.
  • Stompin’ Mad Bats – Psychokiller
  • Restless – Ice Cold
  • Klingonz – Oompa Loompa
  • The Phantom – Love Me
  • The Meteors – My Daddy Is A Vampire
  • Frenzy – Skeleton Rock
  • Washington Dead Cats – Pizza Attack
  • The Freezer – I Need A Shock
  • Bloody Riot – Disubbidisci
  • Fingernails – Crazy For Blow Jobs
  • The Zipheads – Last Man On Earth
  • The Test Pilots – Down Again
  • The Hawkmen – Soulful Dress
  • Ghigo Agosti – Coccinella
  • Clem Sacco – Oh, Mama Voglio l’Uovo la Coque
  • The Gentlemens – John Q Public Blues
commenta su facebook