Intervista a Sarah Andersen

Intervista a Sarah Andersen, autrice di Sarah’s Scribbles

intervista-a-sarah-anderson

Sarah Andersen è una giovane, ma influentissima fumettista americana. Tutti conoscono Sarah’s Scribbles e le sue vignette che girano costantemente sul web. I suoi meme sono famosissimi e i suoi libri Crescere che palle, Un grosso morbidoso bozzolo felice e l’ultimo, da poco uscito, Tutto sotto controllo, sono editi in Italia da Beccogiallo.

Proprio in occasione della presentazione romana di Tutto Sotto Controllo abbiamo incontrato Sarah Andersen e le abbiamo fatto qualche domanda; curiosi di scoprire come nascono i suoi fumetti e come si sente ad aver creato un personaggio così universale, che incontra i gusti di tantissimi fan.

  • Come hai iniziato a fare fumetti?

Ho iniziato nel 2011 quando ero al mio secondo anno di università. Ero una studentessa d’arte e ho iniziato a fare fumetti per prendere in giro tutto ciò che avevo intorno e le stesse strane situazioni che mi capitavano. Ho messo i primi fumetti su Tumblr che era un social molto popolare all’epoca e con mia grande sorpresa ho avuto ottimi riscontri. Da allora ho continuato questo progetto che ora è il mio lavoro.

  • Com’è nata l’idea di Sarah’s Scribbles?

Penso che il mio primo fumetto sia arrivato in modo spontaneo, è stato molto simile a fare un diario. Per i fumetti successivi invece ho cercato di farmi domande su come mi sento, come sto e cosa mi stia succedendo intorno. Nei fumetti cerco sempre di parlare di cose attuali, cose che per me sono importanti e che riesco a esprimere attraverso questo linguaggio.

  • Ti aspettavi di avere un così grande successo e così tanti lettori?

NO! Quando ho io iniziato c’erano solo 3 webcomics davvero famosi ed io non mi aspettavo assolutamente di poter creare, come loro un famoso webcomic. C’era però una comunità di nicchia intorno a quel mondo, così ho pensato che lavorando sodo probabilmente avrei potuto far parte di quel mondo  di nicchia dei webcomics e magari crearmi un piccolo ma fedele seguito. Non mi sarei mai aspettata di avere invece un riscontro globale.

  • Com’è il tuo rapporto con i fans? Specialmente con quelli italiani!

Penso che sia bello che ci siano delle persone che vengono a trovarmi alle presentazioni, ho dei fans davvero dolci e simpatici. Suppongo che ci siano diversi ammiratori, ma la maggior parte dei lettori ha circa la mia età e vivono cose simili alle mie. Adoro venire qui perché le persone sono così creative! S’ingegnano per fare cose per me come: mi portano disegni, addirittura animaletti di peluche! È davvero speciale.

  • Hai mai pensato di abbandonare Sarah’s Scribbles e fare un altro tipo di fumetto?

Penso che mi sono formata per essere un’illustratrice e per questo vorrei provare a fare qualcosa di più serioso e che includa meno scrittura. Ho scritto già abbastanza Sarah’s Scribbles, ma per i prossimi anni vorrei ancora continuare su questo personaggio e con questo fumetto ed arrivare ad almeno cinque libri, fino ai miei 28 o 29 anni. Mi piacerebbe però cambiare e utilizzare altre forme d’arte, vedremo!

  • C’è stato qualche fumettista che ha influenzato il tuo modo di fare fumetti?

Sì, Alli Brosh con il suo Hyperbole and a Half. Le sue storie hanno un tema molto simile al mio, ha iniziato a caricare alcune strisce a lavoro ed è diventata virale. È stata un’artista di webcomics per lungo tempo e poi è passata alla stampa. Quello che ha fatto è stato molto importante per me, perché mi ha fatto vedere come fosse possibile compiere questa transizione. Dato che iniziò un anno o due prima di me è stata un punto di riferimento importante, anche per il suo modo di disegnare, molto semplice e grottesco, poco realistico.

Abbiamo lasciato così la bravissima Sarah Andersen, dandogli anche un consiglio culinario… chissà se avrà accettato!

Qui invece c’è l’audio dell’intervista, ovviamente in inglese. Buon Ascolto!

 

Carla Gambale

 

commenta su facebook