26 February 2020  /  Tiedbelly

L’esplorazione all’archivio del satanasso di questa settimana ci servirà a svelare come il linguaggio del Jazz

Linguaggio americano per definizione e nascita, abbia trovato in quel della città di Londra, un humus così fertile da germinare in forme di bellezza e attrattiva fuori dal comune. L’influenza determinata da linguaggi nuovi, (una volta…) che proprio sulla scena inglese, in particolare nella capitale, hanno trovato casa, sull’evoluzione del linguaggio jazzistico, ci mette in condizione di apprezzare risultati di alto valore musicale. Così la sintesi “Nu-jazz” che la perfida albione ci propone, incorpora le esperienze compiute, ad esempio, nella cultura del dancefloor attraverso le forme del dubstep, dell’elettronica, del drum&bass. Tale mescolanza permette tra l’altro di far avvicinare ad un genere come quello del jazz, persone che tradizionalmente hanno sempre visto il summenzionato come roba per intellettuali. In un contesto di rivoluzione a bassa intensità, gli esiti sociologici di questa operazione restano, per il momento, ancora ignoti ma si può prevedere, sulla distanza, un cambiamento culturale sulla fruizione del jazz. Perché diciamolo una volta per tutte, l’ascolto del jazz è difficile e poco immediato e la ricerca di un proprio piacere nell’intraprenderlo può concludersi con un fallimento. Non solo, il jazz è stato davvero, per anni, una fortezza inaccessibile se non a patto di alcuni compromessi con i propri gusti, che ha tenuto lontano una moltitudine di potenziali estimatori. Ora che il contesto sta cambiando è però giusto riconoscere al mondo del jazz, la capacità di aprirsi ad esperienze musicali “altre” che, alla prova dei fatti, costituiscono un arricchimento del predetto genere e non un imbastardimento. A corollario, non sfuggiranno gli U.S.A. all’appello, per la presenza di figure che, come sta avvenendo in quel di Londra, stanno riformando il Jazz, sul suolo americano. Come dico sempre nella sigla iniziale:” Lasciatevi coinvolgere.

La Discoteca del Diavolo del 26/02/2020: Playlist!

  1. Theon Cross  – Activate
  2. The Comet is Coming – Birth of creation
  3. Nubya Garcia – Lost kingdoms
  4. Ursula Rucker – Humbled
  5. Matana Roberts – Trail of the smiling sphinx
  6. Rhiannon Giddens – I’m on my way
  7. Yola – Ride out in the country
  8. Wisdom of Elders (Shabaka Huntchings) – The Observer
  9. Yusef Lateef – Back Home

Scarica l’App gratuitamente in tutti gli store

Google play
https://goo.gl/oESMMq
Apple store
https://apple.co/2CNsnN6
Windows player
https://bit.ly/2Poe5sZ

commenta su facebook