8 May 2019  /  Tiedbelly

Dopo la pausa pasquale e le laiche festività comuniste del 25 aprile e del primo maggio, Tiedbelly torna ai microfoni di Radiosonar

Un carico di notizie così funeste da guastare il buon umore anche a Ciccio di Nonna Papera. In concomitanza con la divulgazione recente di un documento istituzionale che ritiene il cinema Palazzo un luogo meritevole di urgente sgombero (i cani del capitale cercano di concludere l’acquisizione di San Lorenzo da loro già trasfigurata in divertificio serale/ quartiere Hip per pseudo-artisti di estrazione segretamente borghese n.d.r.) anche il satanasso pare essere nelle peste. A quanto sembra, oltre al comune di Roma e ai governi, anche in quel del regno dei cieli s’avanzano delibere atte a sgomberare, udite udite, alcuni locali del magnifico archivio musicale dell’inferno. Chissà che anche dalle parti del paradiso si stia decidendo un cambio di passo nell’investimento sul sapere? Non si sa ma il fatto è che Tiedbelly, pochi giorni prima di mercoledì, ha ricevuto un telegramma dal satanasso in persona che riportava comunicazione dello sfratto esecutivo che grava su alcune zone dell’archivio e dunque invitava il peggior bluesman di Roma est a ripiegare su suo materiale personale almeno per questa puntata. Così, ispirato da questa precarietà continua  e diffusa – che colpisce anche la salute fisica di alcuni dei nostri conduttori di punta (Straccaletto e Er Poro Iavan) – e equipaggiato con i dischi della sua collezione privata, Tiedbelly compone per voi, questa volta, un fiero lamento: come il sospiro di chi si è appena seduto dopo un faticoso lavoro e subito viene invitato nuovamente ad alzarsi per iniziarne un altro. Attraverso nomi classici e noti del blues e del rock-blues suonerà per tutta la trasmissione un selezione di suoni dalla tradizione elettrica della musica del diavolo. Con l’aiuto di Yardbirds, John Mayall, Freddie King ma anche David Johansen e Kim Wilson,non certo con l’aiuto di dio, risuoneremo insieme al “Lamento del uomo precario” lo faremo senza appesantirci con testi impegnati o dichiarazioni d’intenti ma semplicemente con la bifronte natura di una musica che insieme esprime disperazione e riscatto dentro lo stesso accordo.

Discoteca del diavolo 2.20 08/05/2019 – Playlist

1.       George Thorogood – Howlin’ for my Darling

2.       Robben Ford – Chevrolet

3.       Charlie Musselwhite – Shadow people

4.       The Yardbirds – Smokestack lightning

5.       The Small Faces – I’ve got mine

6.       Nine Below Zero – I can’t quit you baby

7.       John Mayall – Top of the hill

8.       Nick Drake – Harvest breed

9.       Ramblin’ Jack Elliott – Grinnin’ in your face

10.   Rare Earth – Tobacco Road

11.   Electric Flag – Another country

12.   Solomon Burke – Honey, where’s the money gone?

13.   Freddie King – I don’t know

14.   Percy Mayfield – Louisiana

15.   Kim Wilson – Five long years

16.   David Johansen – Somebody buy me a drink

[/vc_column_text]

Scarica l’App gratuitamente in tutti gli store

Google play
https://goo.gl/oESMMq
Apple store
https://apple.co/2CNsnN6
Windows player
https://bit.ly/2Poe5sZ

[/vc_column][/vc_row]

commenta su facebook