6 May 2020  /  Tiedbelly

Andando a ruspare dentro repertori non recentissimi per impellenza coatta ed impulso investigativo-antiquario

Il “Bluesofilo“, ben più di appassionati di altre musiche, è costretto a confrontarsi con del materiale in cui gli elementi documentari normalmente certi come datazione delle incisioni, nome dell’esecutore (ciao ciao SIAE), nome del compositore (ariciao SIAE), biografia dell’autore, diventano territorio inesplorato ed inesplorabile. La puntata di questa sera si sviluppa in una fase cruciale della storia della discografia americana in cui, mentre andavano codificandosi, i linguaggi che oggi conosciamo come blues, rythm’n’blues, swing, rock’n’roll, boogie woogie si rimescolavano in un brodo primordiale dove, proprio l’elemento “Essere umano”, si perde spesso per strada. Incentrata su figure comprimarie dall’introvabile biografia, facendo riferimento a notizie smozzicate, spesso messe a disposizione da fissati più fissati lui, il peggior bluesman di Roma est vi porterà a passeggio in un immaginario parco di fantasmi la cui storia personale, la cui carriera, è sparita da qualunque narrazione ufficiale. Nell’epoca del “Tuttismo” (mi si passi il termine n.d.r.) della RETE, dove ogni informazione è, pare, disponibile e reperibile, i personaggi che ascolterete stasera sono spesso privi di passato, di storia, di uno strumento musicale certo e anche il loro nome non sempre è del tutto affidabile. Complice l’attuale momento storico in cui, spirati i diritti di una mole eccezionale di brani, c’è stata una proliferazione di pubblicazioni retrospettive non sempre accompagnate da notizie accurate, ecco emergere (senza l’ausilio della RETE, fatto salvo il metodo di approvvigionamento, il peer-to-peer) le ombre di personalità che rispondono ai nomi di Charles Maxfield, Guitar Green, Tom Tolbert e altri. Con un certo piacere per il fallimento informativo dei database dell’universo mondo ecco a voi la scaletta di questa settimana. Buon ascolto.

La Discoteca del Diavolo del 06/05/2020: Playlist!

  1. Junior Blackmon – I can’t forget you baby (take 1)
  2. Charles Maxfield – Somebody’s got to go
  3. Crown Price Waterford – Leaping Boogie
  4. Geechie Smith – Wild mild and mellow
  5. Gino Gerld – Saving my loving just for you
  6. James Reed – The roughest place in town
  7. Guitar Reed – Don’t you say a mumbling word
  8. Pat Patterson & Albert Stevens Orchestra – Boppin’ at midnight
  9. Charles Brown – Black night
  10. Little Aaron – East St. Louis
  11. Zuzu Bollin – Headlight Blues
  12. Chuck Wyatt – Corina, Corina
  13. Tom Tolbert – I can’t cut it
  14. John  Littlejohn – Dream
  15. Omar Sharriff (Dave Alexander) – San Francisco can be such a lonely town
  16. Katie Webster – I know that’s right

Disponibile  su:

 

 

 

Radiosonar.net si basa sull’autofinanziamento, a causa dell’emergenza legata al Corona Virus le iniziative sono sospese.
Se vuoi aiutarci a continuare a trasmettere, puoi effettuare una donazione attraverso il nostro contocorrente o PayPal


Inserire un codice di sicurezza.:
security code
Codice di sicurezza:

INVIA
commenta su facebook