12 November 2019  /  Le sbarbine

La Casa delle Donne Lucha y Siesta sotto attacco

La quarta puntata delle Sbarbine è dedicata alla Casa delle Donne Lucha y Siesta, che dopo oltre 11 anni di attività rischia di essere sfrattata, con la messa all’asta dello stabile di proprietà Atac e il distacco delle utenze previsto per il 13 Novembre.

Ospiti in studio le Luchadoras Marita e Virginia che con passione e determinazione ci hanno aggiornato sulla situazione e raccontato cos’è Lucha e perché  di Lucha questa città ha bisogno.
Nella città che vorremmo sarebbe l’amministrazione stessa a garantire l’esistenza di quello, che ad oggi, rappresenta il più grande spazio di accoglienza di Roma per le donne che fuoriescono da situazioni di violenza. Lucha difatti copre circa il 60% dei soli 25 posti letto disponibili. Invece ad oggi la risposta politica che tutt@ ci aspettiamo tarda ancora ad arrivare.

Le Luchadores raccontano come Lucha sia un’esperienza unica nel suo genere che offre servizi dal basso, dando accoglienza e ascolto alle donne che hanno la possibilità di intraprendere un percorso per ricostruire la propria autonomia. Lucha è anche uno spazio di elaborazione politica femminista e aperto al territorio, un laboratorio culturale,  un cineforum, un luogo dove si fanno corsi accessibili a tutt@. A Lucha è attivo un coro, una sartoria, un giardino e uno spazio bimbi, una biblioteca e molto altro…
Per sostenere e dare voce a tutto questo è nato il 7 settembre il comitato Lucha alla città che raccoglie in questo momento più di mille adesioni tra singoli cittadini e associazioni. L’obiettivo è che Lucha resti alla collettività e se necessario ricomprare lo stabile attraverso una raccolta fondi  e un grande azionariato popolare.
La Lucha sigue mercoledì 13 dalle 10 a Lucha!!!! Presidiamo insieme la Casa di tutte!!!!

Le Sbarbine del 12/11/2019 – con le luchadores!

Scarica l’App gratuitamente in tutti gli store

Google play
https://goo.gl/oESMMq
Apple store
https://apple.co/2CNsnN6
Windows player
https://bit.ly/2Poe5sZ

commenta su facebook