La carovana dei popoli contro il terricidio da Maiten parte per incontrare la comunità mapuche kurache che in mapuzungun significa Gente della Pietra.

di Marita Cassan

Lasciamo la strada asfaltata per prendere una sterrata che tra steppa e alte montagne, nuvole basse e arcobaleni mozzafiato ci porta alla comunità.
Mentre godiamo dell’imponente bellezza della Patagonia e attraversiamo questi luoghi con le macchine che abbiamo affittato pensiamo a cosa significhi le persone di questa comunità che non hanno veicoli muoversi, raggiungere altri luoghi, comunicare, gestire le emergenze di chi sta male.

Ci si muove solo se c’è la solidarietà di altre persone o con l’autostop ma anche questo rappresenta un pericolo per il rischio di fermi, arresti che spesso significano violenza e criminalizzazione.
La modalità di incontro è quella circolare: ci presentiamo e ci raccontiamo. La storia del recupero di questo territorio, le storie personali, le lotte, le pratiche, le esperienze nei nostri diversi contesti si parlano, si ascoltano, dialogano e trovano nell’obiettivo di lotta al sistema capitalista, patriarcale ed estrattivista il comune denominatore.
Cosa possiamo fare? Quali le nostre responsabilità, come fare rete, quali campagne promuovere? Queste le domande a cui insieme cerchiamo risposte, azioni, riflessioni.
Un incontro ricco  che qui cerchiamo di raccontare

  • contributo audio a cura di Marita Cassan
commenta su facebook