Blitz della Rete Notav Roma davanti al Ministero di Grazia e Giustizia-NICOLETTA LIBERA TUTT*.

Oggi la Rete No Tav Roma ha manifestato con un blitz comunicativo davanti al Ministero di Grazia e Giustizia aprendo uno striscione con scritto NICOLETTA LIBERA TUTT*, distribuendo volantini e parlando con i passanti.

Molt* dei presenti indossavano una parrucca rossa per ricordare simbolicamente l’attivista Nicoletta Dosio, dal 30 dicembre in carcere. «Siamo davanti a questo Ministero che dovrebbe garantire la giustizia nel nostro paese mentre invece garantisce il privilegio di pochi e la repressione per chi resiste ai soprusi.

Chiediamo libertà immediata per tutt* gli arrestati nella lotta popolare contro il raddoppio della linea Torino-Lione» hanno dichiarato alcuni di loro.

«Il caso di Nicoletta è emblematico. Siamo qui in solidarietà con lei e con tutt* coloro che sono stati colpiti da misure cautelari e repressive, in questo caso ancor più assurde, essendo stati criminalizzati per aver tenuto aperto un casello autostradale con uno striscione e un megafono. La scelta di Nicoletta di non chiedere misure alternative è consapevole e coraggiosa e toglie il velo ad un sistema marcio, dove la legalità non è giustizia.» hanno continuato gli attivisti.

«Oggi è quanto mai evidente che il Tav serve solo a chi vuole speculare sulla sua costruzione, lo vogliono le mafie e non è un caso che le inchieste delle settimane scorse abbiano svelato che l’ndrangheta chiede “di continuare con i lavori del Tav” attraverso i propri emissari nella politica: un sistema collaudato evidentemente per scambi di potere e favori, che il movimento NoTav denuncia da sempre. Il movimento NoTav sta dalla parte della ragione, e vuole mettere la parola fine a questa vicenda che sempre più si configura come un vero e proprio ecocidio, un disastro per l’ambiente e una vergogna per il denaro pubblico, sottratto alle vere priorità del Paese.» concludono gli attivist* che invitano tutti e tutte a partecipare alla manifestazione di sabato a Torino e che promettono di dare vita ad una serie di iniziative nei prossimi mesi per tenere alta l’attenzione sul tema in tutta la città.

commenta su facebook