22 December 2020  /  Tiz

In quest’ultima puntata dell’anno, ripercorriamo varie tappe di questo 2020, anno segnato principalmente dallo scoppio dell’epidemia di coronavirus.

Partendo dal tentativo dell’Unione Europea di sfruttare la crisi economica dovuta al virus per rafforzarsi per tenere testa alle altre potenze imperialiste, ci concentriamo poi sulle ricadute sociali di questo processo: dagli sgomberi che non si sono mai fermati agli affitti mai bloccati al ricatto salute-lavoro che subiscono tutti i giorni tantissimi lavoratori, tra cui gli operai dell’ILVA e i braccianti sfruttati fino alla schiavitù. Su tutte queste contraddizioni verteva la piazza sociale di Roma del 31 ottobre, inizio di ricomposizione del blocco sociale a seguito dell’esplosione di rabbia popolare di Napoli della settimana prima, segno della reazione alla crisi destinata a colpire interi settori della popolazione. Ci spostiamo poi sull’internazionale, sulle due Americhe in particolare: le proteste a seguito dell’uccisione di George Floyd e la vittoria del MAS in Bolivia sono due facce della stessa medaglia, dove, da una parte, negli Stati Uniti si sta preparando un inedito conflitto sociale esacerbato da decenni di politica estera orientata alla guida unipolare della competizione fra potenze, portata come un fardello non solo dai settori sociali storicamente arretrati, ma anche dalla classe media impoverita dalla crisi del 2008, dall’altra, nell’intera America Latina si stanno dando risposte concrete agli attacchi imperialisti americani, ultimi dei quali quelli fallimentari dell’Amministrazione Trump, dovuti al controllo delle ingenti risorse di cui dispone il cosiddetto “cortile di casa”.

Disponibile su:

 

 

 

Sostieni RadioSonar - Alza il Volume.

Tramite questo comodo form potete sostenere le attività dell'associazione con il sistema digitale di PayPal.

oppure potete effettuare donazioni o tesserarvi effettuando un versamento sul nostro conto corrente presso Banca Etica

Inserire un codice di sicurezza.:
security code
Codice di sicurezza:

INVIA
 

Dopo aver fatto il versamento scrivete una mail a radiosonar@gmail.com in cui inserite Nome, Cognome, Indirizzo, Cellulare, Codice Fiscale e indirizzo di posta elettronica ed allegate copia del pagamento. La tessera O altro materiale informativo e/o promozionale verrà spedito tutto immediatamente via posta ordinaria.