23 April 2020  /  Dafne Anastasi

A quando la crisi trasformativa?

Quella che non abbiamo esplorato collettivamente è la crisi trasformativa: l’ ideogramma dell’altra faccia della medaglia.

Quella che avrebbe potuto farci mettere in discussione il rapporto con i consumi inutili strappandoci di dosso l’incisione del codice a barre delle multinazionali on line, che fanno profitti mentre i facchini si ammalano nei capannoni della logistica

Quella che avrebbe potuto ricordarci che il modello predatorio di estrattivismo che ruba spazio alla natura e agli animali si ritorce contro con le mutazioni genetiche e i salti di specie

Quella che avrebbe potuto imprimere nella memoria collettiva il definitivo e irreversibile mai più la salute legata ai profitti

Abbiamo vissuto l’intreccio delle crisi, lo squarcio del velo e l’esplosione di ogni contraddizione senza cogliere il grande potere trasformativo della paura e della fragilità.

Abbiamo subito la semantica della guerra, degli eroi e della militarizzazione delle scelte.
Siamo stati catapultati nell’era dell’assenza di carnalità ma non abbiamo trasformato le nostre anime.

Eppure una possibilità ce l’avevamo e magari ce l’avremo ancora.

Si chiama cura e non ha bisogno dell’autocertificazione né dell’Esercito per le strade*

https://freepressonline.it/2020/04/22/coronavirus-conosciamo-la-crisi-economica-sociale-e-dei-diritti-a-quando-quella-trasformativa/?fbclid=IwAR37XUoLNJELoHMrbGXZXg64O2xoDtnfLldDKCLeXYMFKznd1i8s4MyAD7Q

Scarica l’App gratuitamente in tutti gli store

Google play
https://goo.gl/oESMMq
Apple store
https://apple.co/2CNsnN6
Windows player
https://bit.ly/2Poe5sZ

commenta su facebook