Colpo Grosso 5.22 – Speciale Defend Afrin

Defend Afrin !

Torna On Air Colpo Grosso con una puntata quasi monotematica : AFrin !

Dopo l’occupazione di Afrin , del governo turco, proviamo a fare un focus sulla situazione, nel mentre nella Capitale avvengono azioni diffuse a sostegno della Resistenza della Popolazione Curda, con contributi audio in diretta a cura di attivisti della rete kurdistan romana.  Successivamente potrete riascoltare contributi audio  a cura di Radio Onda D’urto e Uiki Onlus .  Secondo Blocco con poche notizie dalla cronaca della capitale e tante selezioni a cura di Franiko Calavera !

IL COMUNICATO DELLA RETE KURDISTAN ROMA :

Oggi verso il 24 marzo #GlobalActionDayforAfrin diversi gruppi di solidali con la resistenza di #Afrin hanno fatto azioni diffuse per la città di Roma.

AfrinLa mattinata è iniziata con l’occupazione del centro culturale governativo turco. Durante l’azione è arrivata la polizia ed è intervenuta con blindati e reparti, sequestrando 4 solidali e circondando gli attivisti mentre andavano via, minacciando di denunciare tutte e tutti i/le presenti.
Nel frattempo alla Sapienza veniva sanzionata l’Unicredit, complice del massacro che sta avvenendo nella Siria del Nord con la vendita di armi italiane.

La giornata però non finisce qui.
Oggi pomeriggio alla Sapienza nella facoltà di Lettere due studenti che da pochi mesi son tornati da un viaggio in Rojava ci racconteranno l’esperienza rivoluzionaria della Siria del Nord che hanno potuto toccare con mano. (Qui l’evento: https://www.facebook.com/events/188096191919649/ )

Oggi più che mai c’è bisogno di parlare di Kurdistan, della rivoluzione confederale, una rivoluzione basata sulla pacifica convivenza tra diversi popoli ed etnie, sull’ecologia e l’autonomia delle donne, per una società che sia davvero libera, etica e democratica.

Dobbiamo alzare la nostra voce contro il muro di silenzio di media e governi che tentano di isolare la rivoluzione e ciò che sta succedendo ad Afrin.

Per Afrin e per la resistenza del popolo curdo contro l’esercito turco di Erdogan e le bande jihadiste sua alleate che da oltre 60 giorni bombardano l’intero cantone compiendo barbarie sui civili e un vero e proprio genocidio.

KURDISTAN LIBERO!
#RomaConAfrin #AfrinNotAlone #BreakSilenceOnAfrin #DefendAfrin#TerroristErdogan #BijiKurdistan 

commenta su facebook