Verso la manifestazione nazionale della Scuola a Roma del 26 settembre

La rete Priorità alla Scuola si è riunita in assemblea nazionale a Roma il 12 settembre, a due giorni dalla “riapertura delle scuole” per riprecisare obiettivi, contenuti, necessità, emozioni e indignazione che segnano la costruzione della manifestazione nazionale Priorità alla scuola che si svolgerà il 26 settembre a Roma in piazza del popolo a partire dalle 15:30. La manifestazione vede l’adesione di USB, COBAS, FLC CGIL, CISL, UIL, SNALS, GILDA e di centinaia di associazioni e di realtà di movimento

Il 14 è comincia una scuola dimezzata e a singhiozzo:

  • molte scuole aprono a metà mantenendo la didattica a distanza che incrementano l’abbandono scolastico

  • aumenta la giostra di docenti e il precariato a scuola causando disagi tanto a docent* quanto a student*

  • nella scuola continua a non essere garantito un presidio sanitario che sappia riportare al centro il tema dell’educazione alla cura del corpo

  • il trasporto pubblico non è stato raddoppiato negli orari scolastici ma addirittura ridotto, dal momento che gli stessi mezzi viaggiano all’80% della capienza favorendo l’uso di mezzi privati e quindi l’inquinamento (una delle cause di diffusione del covid

  • il divario tra le regioni aumenta e chi già soffriva forme di esclusione sarà ancora più colpit*.

  • Insomma restiamo tra gli ultimi in Europa per investimenti nell’istruzione pubblica e le ventilate riforme a cui assistiamo consistono unicamente in massicce dosi di “digitale”, confondendo uno strumento con una innovazione.

Present* all’assemblea nazionale del 12 settembre a Roma insegnanti, genitori, educator* e student* della scuola e dell’università. Durante l’assemblea abbiamo raccolto alcuni contributi audio che qui vi proponiamo:

Audio 1. Luisa, insegnante, fa parte delle Cattive Maestre di Roma

https://www.facebook.com/Cattivemaestre-920617698001253

Audio 2 Barbara, genitora, fa parte di Cattive ragazze di Roma

https://www.facebook.com/cattiveragazze2020

Audio 3 Daniela, educatrice, fa parte del comitato a tutela di insegnanti educatrici e del coordinamento precarietà e unità
https://www.facebook.com/groups/914461419036380

Audio 4 Elisa, studente, fa parte dell’UDS

https://www.facebook.com/UdSRetedellaConoscenzaRoma

Audio 5 Roberta, insegnante fa parte dei Cobas e denuncia l’ordinanza del sindaco di Bracciano che sospende l’apertura delle scuole elementari e medie del comune ma favorisce le scuole private che possono restare aperte

LA SCUOLA CHE RIAPRE, afferma la rete PRIORITÀ ALLA SCUOLA, NON È IL LUOGO MIGLIORE, PIÙ ACCOGLIENTE, PIÙ INCLUSIVO E PIÙ SICURO PER TUTT* CHE CHIEDIAMO DA MESI.

E invita alla mobilitazione perché si torni a investire nella scuola pubblica.

  • perché la scuola possa ricoprire quel ruolo centrale all’interno di una società che riteniamo oggi sempre più necessario alle sfide che ci aspettano;

  • perché la scuola è da trasformare in meglio affinché diventi un presidio contro la violenza e contro le discriminazioni e spazio di prefigurazione di una società più giusta;

  • perché la scuola sia un presidio ambientale, dove imparare una cultura al cambiamento sistemico che diventa sempre più urgente per affrontare ed eliminare le cause di questa e altre pandemie

  • per ribadire che la scuola, la conoscenza, la cultura sono un problema di tutt* coloro che vogliono costruire un presente e un futuro migliore

  • perchè una parte cospicua dei fondi del Recovery Fund venga destinata alla scuola per l’emergenza così da raggiungere la media europea (5%) e scalare l’ultimo posto in Europa per abbandono e dispersione scolastica che occupiamo

  • investimenti nell’edilizia scolastica pubblica con il recupero e la manutenzione di edifici fatiscenti, la riapertura delle scuole dismesse nelle aree interne e nelle periferie, e l’acquisizione per uso scolastico del considerevole patrimonio immobiliare pubblico (dello stato e degli Enti Locali) attualmente inutilizzato

  • una riduzione drastica e definitiva di precariato nella scuola, il miglioramento delle condizioni lavorative nelle scuole, maggiori tutele a lavorator* fragil* nella fase emergenziale e maggiori assunzioni affinché la scuola si allarghi e non si assottigli

  • si avvii un processo per costruire un sistema pubblico dedicato a bambin* dagli 0-6 anni, con una riflessione rispetto a chi lavora in quel settore, spesso con condizioni contrattuali disastrose

  • sia ri-attivata la medicina scolastica come pratica di cultura della salute collettiva, anche attraverso la riapertura in ogni istituto della sala medica con personale adeguato.

Contatto: prioritaallascuola@gmail.com

Link utili:

Pagina FB Priorità alla scuola https://www.facebook.com/prioritaallascuola

Mobilitazione del 26 settembre 2020 https://www.facebook.com/events/710557356457223/

Petizione su AVAAZ https://bit.ly/2Rot3i2

articolo su Euronomade https://bit.ly/3mf96Ix

assemblea di Non una di meno 24 maggio 2020 Che fine ha fatto la scuola pubblica? a partire dal minuto 16:50 https://www.facebook.com/watch/live/?v=858457484642263&ref=watch_permalink e report attraverso una mappa concettuale

Cattive Maestre di Roma https://www.facebook.com/Cattivemaestre-920617698001253

Cattive ragazze di Roma https://www.facebook.com/cattiveragazze2020

Comitato a tutela di insegnanti educatrici https://www.facebook.com/groups/914461419036380

UDS https://www.facebook.com/UdSRetedellaConoscenzaRoma

A cura di  Marita Transfemminonda

Sostieni RadioSonar - Alza il Volume.

Tramite questo comodo form potete sostenere le attività dell'associazione con il sistema digitale di PayPal.

oppure potete effettuare donazioni o tesserarvi effettuando un versamento sul nostro conto corrente presso Banca Etica

Inserire un codice di sicurezza.:
security code
Codice di sicurezza:

INVIA
 

Dopo aver fatto il versamento scrivete una mail a radiosonar@gmail.com in cui inserite Nome, Cognome, Indirizzo, Cellulare, Codice Fiscale e indirizzo di posta elettronica ed allegate copia del pagamento. La tessera O altro materiale informativo e/o promozionale verrà spedito tutto immediatamente via posta ordinaria.

 
commenta su facebook